La cimatica dell’acqua nelle campane tibetane

“ Come il suono può influenzare la materia “

E’ una “Regola universale” sapere che attraverso una vibrazione si ottiene un’onda che emette un suono ed una frequenza, questa regola viene applicata costantemente in ogni istante della nostra vita attraverso la nostra voce, i movimenti del nostro corpo e di tutto quello che ci circonda.

Comportamento dell’acqua in una Campana Himalayana

Ancor più evidente in tutte le sue forme se applichiamo questa regola ad una campana himalayana magari con un pò d’acqua nel suo interno.

Attraverso la vibrazione che emette la campana possiamo osservare come si comporta l’acqua, ovvero il fatto che si increspa e forma dei mandala straordinari che mutano in continuazione, in base alla pressione che facciamo nel bordo e al tipo di suono che viene associata.

Se strofinando il bordo della campana con un batacchio otteniamo un suono maschile ovvero basso e quindi grave, osserveremo dei zampilli grossolani al contrario con un suono femminile cioè alto e acuto vedremmo l’acqua che si comporta in modo diverso formando dei zampilli simili ad aghi e formando dei disegni sull’acqua simili alle celle esagonali del nido delle api !

La Cimatica dell’acqua

Detto questo possiamo affermare che il suono  ottenuto da una vibrazione ha il potere di informare la materia che in questo caso rappresentiamo con l’elemento acqua, in merito a tutto questo è già stato scritto tanto ed uno degli esempi più concreti lo abbiamo acquisito dall’esperimento di Masaru Emoto che ghiacciando dell’acqua dopo averla informata,  ne osservò al microscopio il risultato.

Altresì, suonare una campana (vuota) significa informare il nostro corpo attraverso la vibrazione e l’intenzione, e come sappiamo, Il nostro corpo è composto più del 70% di acqua quindi la vibrazione andrà a lavorare direttamente sulle nostre cellule !

L’Acqua è vita ! …la pioggia che cade dal cielo è vibrata, il torrente nel suo scorrere vibra l’acqua, il mare attraverso il vento e quindi le onde vibra l’acqua e non dimentichiamoci che il nostro pianeta è composto dal 72 % di acqua !

Nella nostra realtà, affidiamoci ad essa e troviamo il tempo per ascoltare il suono che emette l’acqua durante la pioggia, ascoltando il torrente, l’onda del mare e perché nò appoggiando il nostro orecchio alla grondaia! Cliccate su questo link e andate a vedere cosa ha realizzato questo architetto in un palazzo di Dresda in Germania!

Bere acqua energizzata da una campana

In conclusione vi invito a lavare bene la vostra campana himalayana nel suo interno con un pò di sapone neutro, poi mettete dell’acqua (meno della metà) e fatela vibrare per almeno due minuti mandando intenzioni, canto, mantra o preghiera poi bevete quest’acqua energizzata e ascoltatevi, è un vero toccasana per riequilibrare la vostra energia e non solo… potete darla da bere ai vostri animali e ancora innaffiare le vostre piante !  Che cosa vi costa ? Niente ! 

In tal proposito sono stati fatti vari esperimenti che potete visionare durante i corsi di campane tibetane, ma in anteprima vi regalo alcuni video inerenti al tema della campana e l’acqua. 

Esperimenti con le campane tibetane

307 Campane Himalayane antiche che galleggiano in 40.000 litri d’acqua !
Campana Himalayana antica, modello Cobrebathi ghiacciata a – 45 gradi  

Tutto questo e molto altro, lo scoprirete durante il Per-Corso di campane Himalayane con la dimostrazione diretta di quanto sopra è stato espresso durante il corso di primo livello. Non mancate, vi aspetto !

Namastè !